Per il viaggio chiedi a Di Maggio ...spunti, idee, consigli pratici ed idee utili per scegliere la destinazione giusta e viverla alla grande. Un blog di servizio che si appoggia anche all\'esperienza degli ascoltatori. Una sorta di circolo dei Viaggiatori che possa fornire informazioni particolari che non si trovano sulle guide turistiche.

Archivio | Arte&Cultura

21 February 2008 ~ 0 Commenti

BIT 2008

E’ stata inaugurata questa mattina alla presenza dell’On. Francesco Rutelli l’edizione numero 28 della Borsa Internazionale del Turismo. Una edizione che si presenta bene: secondo Adalberto Corsi, Presidente dell’orgazzatrice Expo CTS, si aspettano oltre150.000 visitatori tra operatori del settore e viaggiatori appassionati. La Bit è aperta al pubblico solo durante questo week end. Il pubblico può andarsene in giro su 60.000 metri quadrati di esposizione visitando gli stand di 152 paesi diversi. Io mi sono spinto fino ad Abu Dhabi, uno dei sette Emirati arabi uniti che si sta lanciando nel turismo come il vicino Dubai. Sono passato dal Brasile dove mi hanno raccontato di un trenino che arriva fino alle cascate di Iguaçu, il Great Brazil Express, due carrozze old stile che attraversano paesaggi di natura incontaminata nel sud del Brasile, al confine con l’Argentina.
Ho fatto un trattamento allo stand di Israele con i prodotti del Mar Morto e ho assaggiato un risottino delizioso allo tand del Piemonte, la regione che ci ospita.

Nel nostro lounge sono venuti due giocatori. Mi sono sistemato sul divano tra Nicola Le Grottaglie e Giorgio Chiellini (foto qui sopra): stretto tra due difensori non ho potuto dribblare. Mi hanno controllato agevolmente e non ho toccato un pallone! Ma mi sono fatto raccontare da loro che cosa hanno scoperto di Torino e della regione.

Poi ho incontrato una coppia del Guatemala in abiti tipici. E mi sono messo a parlare con loro dei siti maya come Tikal (foto qui sopra). Mi dicevano che nel nord in mezzo alla giungla dello Yucatan hanno scoperto di recente una piramide nascosta dalla vegetazione che è ancora più alta del Tempio IV di Tikal.

Serena, la diciannovenne di Biella che è la Miss Muretto in carica e porta la bellezza di Alassio e il romanticismo del muretto in giro per l’Italia, è venuta a trovarci nel lounge di RMC. Abbiamo parlato dei baci, i dolci alassini e ho approfittato per farmene dare uno…vero (foto qui sopra). Ma l’happy hour impedibile è con una birra in mano e un cappello a tesa larga in testa allo stand dell’Australia. Così finisce la prima giornata di BIT. E come inizio non c’è male.

.

Qui sopra: DiMaggio e le nostre hostess con alcuni piloti delle Frecce Tricolori

LEGGI TUTTO...

17 February 2008 ~ 0 Commenti

Dabbawala

Esistono da 125 anni a Bombay. Sono i portatori di dabba, una specie di gamella nella quale le mogli mettono al caldo i pasti per i loro mariti che lavorano in centro città. Un esercito di circa 5.000 dabbawala ogni giorno passa di casa in casa, ritira i dabba e si mette sui treni che dalla periferia portano in centro. Verso mezzogiorno la fiumana di dabbawala si disperde tra le vie piene di negozi e uffici consegnando tutti i pasti entro le 15. Un miracolo di logistica autodidatta.

Tanto che i grossi corrieri internazionali hanno studiato l’organizzazione spontanea del fenomeno, chiedendosi come sia possibile consegnare 65 milioni di pasti personalizzati all’anno, perdendone uno solo. Un’efficienza al di là di ogni aspettativa. Il servizio costa l’equivalente di una cinquantina di Euro al mese, in media 10 rupìe al giorno.

LEGGI TUTTO...

03 February 2008 ~ 1 Commento

Maria Luisa Spaziani, poetessa

La Signora è arrivata in radio ospite di Luisella. Si è accomodata davanti al microfono e ha cominciato a parlare con una voce profonda, inanellando costrutti sintattici meravigliosi. Mi sono fatto rapire dal suo Italiano e sono caduto preda del suo charme. Maria Luisa Spaziani, la poetessa per tre volte candidata al Premio Nobel è nata a Torino, e ha frequentato nel corso degli anni gli ambienti e i personaggi più in vista della poesia italiana e internazionale, primo tra tutti Eugenio Montale. Ha saputo coniugare alla creazione di liriche l’attività di giornalista e di traduttrice dal francese dei massimi autori, ed è stata una docente amatissima dai suoi allievi. Immaginatevi se durante un viaggio aveste la fortuna di sedere accanto ad un personaggio come la Spaziani: non vorreste più scendere dall’aereo! Per Buenas Noches le ho chiesto di quando incontrò Picasso nel laboratorio di Vallauris…
Maria Luisa Spaziani

Maria Luisa Spaziani 2

LEGGI TUTTO...

27 January 2008 ~ 0 Commenti

Luca Betti

Ha concluso il 76° Rally di Monte Carlo piazzandosi al 19° posto della classifica generale e prendendosi la soddisfazione di salire sul podio con un bel terzo posto nel suo gruppo. L’avevo sentito qualche notte fa, in Buenas Noches, mentre nei giorni prima del Rally faceva le sue ricognizioni insieme al navigatore Giovanni Agnese, per compilare i carnet di note, curva dopo curva. I piloti vanno a notte fonda sui tracciati delle speciali per non trovare nessuno e “provare” già a buona andatura.

E da Luca mi ero fatto raccontato delle difficoltà del mitico Colle del Turini. Così quando a gara finita è venuto a trovarci in radio con ancora la tuta addosso, la prima cosa che gli ho chiesto è se c’era neve al Turini. Perché se non ce n’è sulla strada, sono gli spettatori che la buttano con le pale per vedere quanto sono bravi i piloti a reagire. E’ un po’ sleale ma fa parte del folklore dei Rallies. Luca è soddisfatto del piazzamento ed è arrivato con la coppa del terzo classificato nel gruppo Due ruote motrici.

Questo il suo sito: http://www.lucabetti.com/

LEGGI TUTTO...

26 January 2008 ~ 0 Commenti

Santa Devota

C’è una chiesetta che dà il nome ad una delle curve più celebri del Gran Premio di Monaco di F1. E’ stata costruita in un vallone, protetta da pareti di roccia scoscese. Oggi le passa sopra un viadotto e alle spalle ha la vetrata della stazione sotterranea.
La storia di Devota risale al IV secolo, al tempo delle persecuzioni di Diocleziano contro i cristiani. Devota fu catturata in Corsica dai Romani e torturata. Dopo la sua morte i cristiani ne trafugarono il corpo e lo misero su una barca in partenza per l’Africa, per poterle dare una sepoltura cristiana. Ma una tempesta tremenda deviò la rotta della barca.

Dal corpo di Santa Devota allora uscì una colomba che guidò i marinai sino all’approdo sicuro del porto di Monaco. E lì venne costruita una cappella per conservare le reliquie della Santa. Qualche anno dopo un malfattore le rubò per poterle rivendere. Fuggì con le reliquie sulla sua barca, ma i pescatori di Monaco lo inseguirono sul mare e recuperarono il corpo di Santa Devota. E per punire il delinquente gli bruciarono la barca.

Ed è per questo che ogni 26 gennaio alle 19.45, davanti alla chiesetta di Santa Devota,la Famiglia Grimaldi accende il falò che brucerà una piccola barca da pesca, sacrificata per l’occasione. E subito dopo partono i fuochi di artificio sul porto…

LEGGI TUTTO...

20 January 2008 ~ 0 Commenti

Andiamo a Berlino, zio!

Una capitale che mi piacerebbe visitare e della quale mi parlano tutti benissimo è Berlino. Una città non cara, dove gli affitti sono convenienti e dove si mangia a dei prezzi ragionevoli. E dove c’è un bel movimento a livello culturale. Ho letto su Dove che l’ultima trovata di Berlino in calendario per sabato prossimo, il 26 gennaio, è l’apertura dalle 18 alle 2 del mattino di 60 musei, istituzioni culturali e spazi d’arte, con una miriade di eventi di contorno. Quella sì che è una notte bianca della cultura! Con un biglietto unico che costa 12 euro, si potranno seguire le visite guidate nei musei, e anche assistere a concerti, letture, proiezioni, performance, video installazioni, messi a punto per l’occasione. Nel biglietto a 12 euro è compreso il servizio di navette per spostarsi da un museo all’altro. Ne fanno due all’anno di queste Lange Nacht der Museen, l’altra è ad agosto.
http://www.lange-nacht-der-museen.de/

Finito il giro per i musei e gli spazi d’arte alle due del mattino dove si va a Berlino? Mi hanno parlato di un locale panoramico con immense vetrate su tre lati che si chiama WEEK END, al dodicesimo piano di un palazzo, con vista spettacolare sulla torre tv di Alexanderplatz. Un posto molto trendy, tutto in nero che ha anche vinto un premio d’architettura e design. http://www.week-end-berlin.de/
Poi c’è il SOLAR in Stresemannstrasse 76, che è ancora più in alto: 16° piano, e si sale con un ascensore esterno da paura, se si soffre di vertigini.

Solar ha un lounge bar con grandi divani, illuminato solo da candele, atmosfera di classe, con una vista pazzesca su tutta la città e al piano di sopra, il 17°, c’è il ristorante.
http://www.solarberlin.com/

E per alloggiare a Berlino c’è un hotel più che originale: costa a partire da 79 euro la stanza, si chiama Propeller Island City Lodge, ha 31 camere nate dalla fantasia dell’artista tedesco Lars Stroschen. Una è capovolta con il letto sospeso sul soffitto, un’altra è interamente rivestita di specchi, un’altra ancora è il rifacimento di una cella di prigione. Altra particolarità: l’albergo non ha una vera e propria reception, ma un ufficio aperto solo dalle 8 alle 12. Le camere si prenotano direttamente sul sito http://www.propeller-island.com

LEGGI TUTTO...

19 January 2008 ~ 0 Commenti

32° Festival Internazionale del Circo di Monte Carlo

C’erano gli elefanti sul mare oggi pomeriggio! E anche otarie e cavalli ammaestrati. Il circo è arrivato in città! Sul porto di Monaco è stata allestita una pista che ha ospitato uno show open-air gratuito. Il circo porta sempre allegria, con la musica dell’orchestra, le divise dei domatori, le urla di meraviglia dei bambini … Il Festival Internazionale del Circo di Monte Carlo è partito nel 1974 grazie a SAS il Principe Ranieri III, che era un appassionato di arte circense, ed è diventata la manifestazione più importante e più prestigiosa del mondo, praticamente l’Oscar del Circo.

Il Festival andrà avanti fino a domenica 27 febbraio. Da ieri sono cominciati gli spettacoli di selezione con 32 numeri provenienti da tutto il mondo con i migliori artisti perché vincere un Clown d’oro significa farsi notare da tutti i professionisti del settore e questo fa bene per gli ingaggi: alza le quotazioni. Sono 150 gli artisti che partecipano quest’anno. C’è una giuria internazionale che assiste a tutti i numeri e decide a chi assegnare i Clowns d’oro, d’argento e di bronzo, che verranno consegnati nel corso della serata di gala di martedì prossimo, 22 gennaio. Se volete un consiglio, gli shows da non perdere sono quelli dei vincitori. Cioè da mercoledì 23 febbraio tutti i vincitori dei premi si esibiscono nelle stesse serate fino al pomeriggio di domenica 27
In questa maniera si possono vedere i numeri di circo che attualmente sono i migliori del mondo tutti insieme! Se volete delle informazioni più precise: http://www.montecarlofestival.mc/index.html

LEGGI TUTTO...

12 January 2008 ~ 0 Commenti

MC Travel Market

Alla Fiera dei Sogni, dal 11 al 13 gennaio al Grimaldi Forum, l’ospite d’onore quest’anno era il Marocco. C’era una bella tenda sotto la quale veniva servito il tradizionale thè alla menta, era presente uno stand dove i giovani designers marocchini di Dar en Art esponevano i loro lavori tra antico e futuristico e c’era anche uno spazio dedicato ad una cooperativa di donne che produce l’olio di argan. Un olio pregiatissimo oggi molto utilizzato in cosmetica, ma usato da sempre anche come medicinale e per cucinare. L’argan è un albero endemico del sud del Marocco, ha l’aspetto contorto di un ginepro, può vivere fino a 200 anni e resiste alla siccità per lunghissimi periodi. I suoi frutti contengono un seme che all’interno contiene delle specie di mandorle. Sono queste che pressate danno l’olio così ricercato dalle grandi marche della cosmetica. Gli alberi di argan piacciono molto anche alle capre e nonostante siano protetti da spine, le caprette marocchine si arrampicano anche sui rami più sottili pur di brucare le foglioline tenere e gustose dell’arganier. Le foto che si scattano hanno dell’incredibile! Capre sugli alberi, come asini che volano! La realtà è molto più cruda: l’argan è in estinzione a causa della desertificazione progressiva e del troppo sfruttamento a fini commerciali.
Attenzione a comprarne: qualche volta nei suk delle località turistiche quello che viene spacciato come “huil d’Argan” a 150 dirham la bottiglietta (circa 15 Euro) è semplice olio di girasole.

LEGGI TUTTO...

26 December 2007 ~ 1 Commento

San Francisco tiger attack!

A San Francisco una tigre siberiana è evasa dall’open-space in cui era prigioniera e ha ferito diverse persone, uccidendo un ragazzo di 23 anni prima di essere abbattuta da agenti di polizia.
Guardate che forza della natura è una tigre infuriata.
Questo video è stato girato nel Parco Nazionale di Kaziranga, sulle rive del fiume Bramaputra, nel nord-est dell’India, e ha fatto il giro del mondo. Il mattino del 19 maggio del 2004 un gruppo di ranger su elefanti stava tentando di colpire con dardi anestetizzanti una grossa tigre femmina. La belva, che si intravvede tra il riso alto, invece di fuggire li attacca perchè probabilmente ha uno o più cuccioli nascosti nelle vicinanze. Osservate a che velocità si avvicina: con un balzo arriva all’altezza dell’elefante cavalcato da Satya Pegu e da altre due persone, tra cui una armata di fucile a dardi soporifici. Il mahoud, un ragazzo di 25 anni che si vede nelle immagini mentre tenta di colpire la tigre con una canna di bambù, ha perso 3 dita della mano sinistra. Nessun danno per l’elefante Joymala

A San Francisco lo zoo era già stato diffidato per la pericolosità dell’open-space destinato alle tigri, giudicato poco sicuro: un fossato di 5 metri divide le fiere dal pubblico e alle spalle un muro di 6 metri circonda il resto dello spazio. Si evitano le gabbie strette e alienanti, ma le alternative non sono abbastanza sicure perchè si sottovaluta la pericolosità di un’animale selvaggio. Si vogliono zoo come spazi aperti, solo fossati e alti muri coperti di siepi per dare l’illusione che l’animale sia libero. Perchè esiste il mito dell’animale buono alimentato dai cartoni animati. Una belva feroce è e deve restare una belva della quale avere paura e soprattutto rispetto.

Va fatto capire ai bambini che gli animali antropoformizzati esistono solo nei film, e che gli animali veri uccidono per mangiare e per difendersi. Le belve pericolose quindi devono stare o in gabbia oppure liberi, ma nel loro habitat, a casa loro! E io voto per la seconda soluzione. Oggi con i documentari i bambini possono vedere e conoscere gli animali in TV. E poi se volete fare loro un regalo grande, portateli a vedere gli animali nella savana. Un viaggio in Sudafrica, o in Kenya è il regalo più bello che si può fare perchè attraverso il viaggio si impara moltissimo e ci si forma una coscienza…Purtoppo non si ha tutti la possibilità finanziaria di fare un viaggio del genere, ma risparmiando su cose diseducative ed inutili magari il budget per una vacanza-safari salta fuori…

LEGGI TUTTO...

21 December 2007 ~ 1 Commento

Esperienze 1

Qualche sera fa mi sono trovato sul palco di un teatro di Monte Carlo. Avevo accettato l’invito di Andrea Drovandi, un amico che ha organizzato un concerto tutto da solo: ha fatto venire due musicisti, affittato la sala, creato la scaletta, scritto il copione, fatto venire il pianoforte Steinway a coda e l’accordatore. Un vero mecenate, che ha invitato tutti i suoi amici amanti della musica classica per una serata di auguri natalizi. Invece della solita cena, del solito Natalino, un concerto con al pianoforte il Maestro Giorgio Sini e al violino il virtuoso Enzo Ligresti. Mi sono ritrovato sul palco a meno di 2 metri dai musicisti, a leggere alcune lettere di Ludwig van Beethoven. Non ero mai stato così vicino a qualcuno impegnato in un’esecuzione classica e non immaginavo tutta la fisicità che implica! Abituato all’energia e ai movimenti del rock pensavo che la Classica fosse un’arte statica. E mentre le note immortali inondavano il teatro io osservavo i dettagli: il frac che indossavano, fatto evidentemente su misura per permettere alle braccia di muoversi agevolmente, la camicia candida con lo sparato e la cravatta bianca annodata (cravatta nera nel dress code significa smoking, bianca vuol dire frac). Non immaginavo che suonare Beethoven generasse uno sforzo simile. Vedevo le gocce di sudore, osservavo i crini di cavallo dell’archetto del violinista che si spezzavano, notavo il modo del pianista di fare un’orecchia alla pagina dello spartito in modo da girarla velocemente e a colpo sicuro. Sono rimasto incantato ad osservare: ero nel cuore della musica, il suono mi faceva vibrare, sentivo i colpi di piede al pedale del piano, e osservavo le scarpe di vernice di Enzo mentre roteava su se stesso seguendo il movimento del suo violino. Alla fine hanno ricevuto degli applausi entusiastici, vibranti, scanditi ad un certo punto. Deve essere bello ricevere un tributo così. Oggi la gente abituata alla TV non ha l’abitudine di applaudire, perché li sente già registrati e non ha l’impulso di partecipare. Ma gli amanti della Classica sono altra cosa, sono in grado di conoscere a memoria le opere eseguite e di zittire chi comincia ad applaudire perché crede che l’esecuzione sia terminata. Sono stato molto contento della mia esperienza “colta”, affrontata con Julie, una ragazza che studia teatro e che ha letto in francese, e Nathalie, la lettrice in spagnolo. Abbiamo fatto la nostra parte nel creare un’atmosfera e far capire come un genio immenso come Beethoven fosse sempre solo, sempre più sordo e sempre sfortunato in amore.

LEGGI TUTTO...